L'eclissi dell'equinozio

La mattina di Venerdì 20 Marzo, il giorno dell’equinozio di primavera, si verificherà un’eclissi di Sole che sarà visibile anche dalla città di Pesaro, anche se solo come parziale. La fascia di totalità, quella cioè dove il Sole sarà completamente nascosto dalla Luna, si trova nell’Atlantico Settentrionale, coinvolgendo l’arcipelago delle Far Oer e quello delle isole Svalbard. L’area immersa nel cono di penombra interesserà invece il resto dell’Europa e l’Africa settentrionale.

 


  
Zone della Terra interessate dall’eclissi. In blu la fascia della totalità

A Pesaro il Sole verrà oscurato per oltre il 65% del suo diametro a causa

del transito della Luna che si frapporrà tra la Terra e il Sole. La normale luminosità con cui splende in cielo la nostra stella diminuirà in modo poco percettibile, ma il fenomeno non mancherà di attirare l’attenzione degli appassionati e di molti curiosi: il disco solare infatti si presenterà con un’insolita forma a barchetta.

 

 
 

Tutti con il naso all’insù dunque la mattina del 20 Marzo, ma attenzione a farlo in sicurezza! E’ pericolosissimo infatti guardare il Sole direttamente, senza un’adeguata protezione. 
In questa immagine realizzata con un simulatore software, l’aspetto del Sole da Pesaro visto con un piccolo telescopio durante la fase massima dell’eclissi

Anche per la visione ad occhio nudo infatti, occorre dotarsi di appositi filtri, reperibili online o in negozi specializzati. Esistono ad esempio speciali occhialini che utilizzano particolari materiali (mylar o astrosolar) in grado di proteggere al meglio i nostri occhi. Nel caso aveste difficoltà  a reperirli, un sistema di protezione altrettanto efficace sono gli occhiali da saldatore con indice di protezione almeno numero 14, acquistabili nei ferramenta o nei negozi specializzati in prodotti antinfortunistici.
Non usate in nessun caso soluzioni casalinghe come vecchie pellicole, radiografie, vetri affumicati o semplici occhiali da sole. Soluzioni inefficaci che possono causare seri danni alla vista.

 

Il consiglio che diamo a tutti i pesaresi è comunque quello di partecipare all’iniziativa pubblica che il Gruppo Astrofili Pesarese organizza per la mattina del 20 Marzo: vi godrete lo spettacolo in sicurezza e con l’ausilio dei nostri telescopi adeguatamente filtrati.

Ecco gli orari dell’eclissi per la città di Pesaro

Inizio:               ore 09:28

Massimo:        ore 10:36

Fine:                ore 11:47

Per tutti i dettagli dell’iniziativa, e per seguire anche in streaming l’evento, visitate il nostro sito www.astrofilipesaro.it

 

Cos’è un’eclissi di sole

Quando la Luna si frappone tra la Terra e il Sole, occultandolo in parte o totalmente,  si ha quella che si chiama un'eclissi solare. Ciò accade evidentemente ogni volta che l’ombra o la penombra della Luna raggiungono la Terra. Il rapporto tra le distanze del Sole e della Luna è tale che quando il cono d’ombra raggiunge la Terra, la tocca a malapena e dunque soltanto in una piccolissima area della superficie terrestre il Sole resta completamente nascosto: in queste aree si ha un’eclissi totale. Nella ben più vasta area immersa nel cono di penombra, solo una parte del disco solare viene occultata e si ha una eclissi parziale. 

Viste da Terra, le dimensioni apparenti di Sole e Luna  sono quasi uguali (circa mezzo grado). Per lo più il disco lunare e un po' più grande di quello solare e per questo l'eclisse totale non ha ín generale la durata di un istante, ma può durare fino ad alcuni minuti.
Schema generale di un’eclissi di sole (fonte UAI)

Per il gioco delle distanze leggermente variabili tra Terra e Luna e tra Terra e Sole, talvolta capita che quando la Luna passa davanti al Sole il cono d'ombra non arrivi a raggiungere la Terra.In pratica in queste circostanze il diametro apparente della Luna è leggermente più piccolo di quello del Sole lasciandone quindi visibile un anello tutto attorno. Si ha allora un'eclissi anulare.

 

Eclissi totale, anulare e parziale. La linea verticale sulla destra rappresenta la superficie terrestre. La visibilità dell’eclissi può essere totale(A), parziale(B) o anulare(C)

Per il verificarsi di un’eclissi la prima condizione è che Terra, Luna e Sole siano allineati in questo preciso ordine e ciò accade ogni volta che siamo in fase di Luna Nuova, dunque più o meno ogni 29 giorni. Perché allora non si verifica un'eclissi tutti i mesi? Perché in realtà l'orbita lunare è inclinata di circa 5°rispetto a quella che percorre la Terra nel suo giro attorno al Sole, perciò capita spesso che quando c’è Luna Nuova il nostro satellite sia troppo “in alto” o troppo “in basso” perché la sua ombra possa investire la Terra.

 

In questa immagine si vede bene che solo nelle due condizioni evidenziate in verde la luna nuova (New) è in grado di generare un’eclissi di Sole. In tutti gli altri casi l’eclissi non si verifica

In sintesi, perchè si abbia un’eclissi di Sole devono verificarsi contemporaneamente queste due condizioni:

  • Luna Nuova
  • Luna molto vicina ad uno dei punti in cui attraversa il piano dell'orbita terrestre

Il Saros

Nonostante l’estrema complessità dei moti combinati di Sole, Luna e Terra, accade che ogni 6585,3 giorni le condizioni di allineamento si ripetono in modo quasi identico. Tradotto in altri termini significa che se oggi si verifica un’eclissi di Sole, quasi certamente tra 18 anni 10 giorni e 8 ore (o 18 anni 11 giorni e 8 ore se nel periodo sono compresi solo 4 anni bisestili) l’eclisse di Sole si verificherà di nuovo. Il fatto che il ciclo sia formato da 6585 giorni e 8 ore dice anche un’altra cosa: è vero che l’eclisse si verificherà di nuovo, ma con 8 ore di ritardo rispetto alla volta precedente. Dunque si vedrà in una zona della Terra diversa, 8 ore di fuso orario più ad ovest. La cosa interessante però è che 8+8+8=24 ore. Dopo 3 cicli dunque lo sfasamento di 8 ore si compensa e l’eclissi si verificherà di nuovo in modo simile, anche se non identico, nelle stesse zone della Terra.
La famiglia di eclissi “sorelle” che si ripetono ogni 6583 giorni circa viene chiamata “Saros”, termine del greco antico che indica appunto un fenomeno ripetitivo. L’eclisse del prossimo 20 Marzo appartiene a quello che gli astronomi chiamano Saros 120. Si tratta di una famiglia di eclissi iniziata il 27 Maggio 933 e che si concluderà il 7 Luglio 2195.

La cosa incredibile è che il Saros non è stato scoperto grazie a potenti computer: lo hanno individuato in Mesopotamia gli antichi astronomi caldei del secondo millennio avanti Cristo! Se si pensa che per loro era difficile o addirittura impossibile avere notizia delle eclissi che si verificavano in paesi lontani dalla Mesopotamia, è evidente che per arrivare a questa scoperta sono state necessarie generazioni di astronomi che hanno diligentemente raccolto per secoli dati di osservazione!

Eclissi sorelle

L’aspetto curioso dell’eclisse del 20 Marzo 2015 è che si tratta della sorella della celebre eclissi del 15 Febbraio 1961, l’ultima eclissi totale visibile in Italia e che fu totale anche a Pesaro! Molti pesaresi non più nel fiore degli anni ricordano bene quel giorno in cui addirittura restarono chiuse le scuole per consentire a tutti di ammirare uno spettacolo così unico: e il meteo premiò gli osservatori con una splendida giornata di sole. Da quel lontano inverno degli anni sessanta sono passati esattamente 3 cicli all’interno del Saros 120 e dunque questo 20 Marzo 2015 l’eclissi torna a farci visita. Le condizioni però sono leggermente diverse, quel tanto che basta a rubarci il fenomeno della totalità.

Appuntamenti futuri con l’eclissi di Sole

L’eclissi parziale di Sole è un evento astronomico poco frequente ma non rarissimo. A Pesaro l’ultima volta si era verificata il 4 Gennaio 2011 mentre per la prossima dovremo aspettare il 21 Giugno 2020. Si tratterà però di un’eclissi molto piccola. Per vederne di nuovo una significativa dovremo attendere il 12 Agosto 2026 quando il sole pesarese tramonterà coperto per quasi il 90%. Anche in questo caso si tratterà dunque di un’eclissi parziale.
Molto più raro è il fenomeno dell’eclissi totale di sole: la prossima in Italia avverrà il 3 Settembre 2081 ma anche in quel caso da Pesaro si vedrà come parziale. Per vedere un  eclissi totale di Sole che coinvolgerà Pesaro sarà necessario pazientare parecchio: la prossima è prevista il 6 Luglio 2187!

Insomma, tanti buoni motivi per non farsi sfuggire lo spettacolo il prossimo Venerdì 20 Marzo 2015.

 

Back to Top